dainese

Skip to Main Content »

select your country
0 items
Search Site

You're currently on:

 
 
 

Authors

Renzo Giust
I Dainese Me
Nico Cereghini
Italian Legendary Tour
Gary Inman
 
 
 
 
 
 

ERMANNO OLMI MEETS DAINESE

16 June 2010 | News

Yesterday Ermanno Olmi, the famous Italian director, who was given the Palme d’Or at Cannes International Film Festival for the film "The tree of wooden clogs" in 1978 and the Career Golden Lion at the Venice FilmFest in 2008, visited us at Dainese headquarter.

The Maestro is making a documentary that talks about the Sport Champion as a bearer of human values, with spreading the culture of safety. The success of the Champion does not come from a reckless courage but from a great preparation, a careful analysis and an appropriate equipment.
Starting from the Nature and medieval armors as a source of inspiration, the film will then talk about the knights of our time, the motorcycle riders.
Some of the filming shots are set in Dainese headquarter.

The Maestro entertained us by remembering the steps of his “motorcycle” past, which includes a fast Honda (“it exceeded 200 km / h and I held it for three months, until my wife told me to choose between the bike and my three children! ") the legendary Lambretta and a Citroen DS, the popular "shark ".

It was a great emotion and a honor for all of us to meet the great director, who lit up the rainy afternoon.
We look forward to admiring this latest work of him!
 

------------------------------------

Ieri è venuto a farci visita Ermanno Olmi, regista Palma d'Oro al Festival di Cannes per il film "L'albero degli zoccoli" e Leone d’Oro per la carriera alla Mostra del Cinema di Venezia.

Il Maestro sta realizzando un documentario che parla  del Campione dello sport come di un portatore di valori di civiltà, legati alla diffusione della cultura della protezione. Il successo del Campione non è frutto d'incosciente ardimento ma di grande preparazione, accurata analisi ed equipaggiamento adeguato.
Partendo dalla natura e dalle armature come fonte di ispirazione, il film parlerà quindi dei cavalieri del nostro tempo, i centauri del Motociclismo.
Parte delle riprese sono ambientate proprio nella sede di Dainese.

Il Maestro ci ha intrattenuti piacevolmente ripercorrendo le tappe del proprio passato "motoristico", che annovera una velocissima Honda  ("superava i 200 chilometri all'ora e l'ho tenuta per tre mesi, fino a quando mia moglie mi ha detto di scegliere fra la moto e i miei tre figli!") la mitica Lambretta e una Citroen DS, il celebre "squalo".

E' stata per tutti un'emozione e un onore incontrare il grande regista, che ha illuminato il pomeriggio di pioggia.
Non vediamo l'ora di ammirare questa sua ultima opera!

Read more