dainese

Skip to Main Content »

select your country
0 items
Search Site

You're currently on:

 
 
 

Authors

Renzo Giust
I Dainese Me
Nico Cereghini
Italian Legendary Tour
Gary Inman
 
 
 
 
 
 

AFTER MUGELLO

17 July 2012 | News

by Nico Cereghini


Andrea Iannone e Jorge Lorenzo, che meraviglia! Le loro vittorie in Moto2 e in MotoGp sono da incorniciare come autentici capolavori: l’italiano ha vinto una gara tattica e molto combattuta, il maiorchino ha dominato con la guida e l’autorità del campionissimo. E poi c’è anche Romano Fenati, tornato lì davanti con classe, che in Moto3 non è riuscito a battere Vinalles per soli venti millesimi. Peccato che, sui prati e sulle tribune, meno spettatori del solito abbiano potuto godere lo spettacolo direttamente: era da anni che gli appassionati protestavano a gran voce per il costo esagerato del biglietto e anche questa volta, nonostante la data meno favorevole, nessuno sconto. Eppure non sarebbe stato difficile imitare il Portogallo, per esempio, che ha fatto il pieno anche quest’anno con una sana politica dei prezzi.

Tornando alle corse, in top class ci ha provato Dani Pedrosa, partito dalla pole come una scheggia, e per metà gara ci hanno provato anche Dovizioso, Bradl e Hayden: tutti in fila con il coltello tra i denti dietro a Jorge. Ma la Yamaha numero 99 volava, domenica al Mugello, mai vista una percorrenza di curva così veloce e fluida! La Honda HRC ha perso il contatto dal leader, Hayden pure in fondo al gruppetto, e ci ha pensato il forte tedesco a tenere incerta la lotta per il terzo gradino del podio. Finale thrilling, con Hayden e poi anche Rossi e Crutchlow in rimonta da dietro; l’ha spuntata il Dovi (quarto podio 2012) su Stefan e Valentino. Hayden soltanto settimo, purtroppo fuori linea nel ruvido sorpasso subìto da Bradl.

Le sorprese non sono mancate, in MotoGP. Uno Stoner confusionario, è finito addirittura ottavo dopo errori a ripetizione; uno Stefan Bradl davvero solido e veloce, in continua crescita e proiettato verso il podio della categoria più difficile, ormai è una sicurezza; e infine la Ducati alla migliore prestazione sull’asciutto. Un discreto risultato era da aspettarselo, sulla pista dei test: Barbera era partito dalla prima fila con il terzo tempo e Hayden apriva la seconda fila; mentre Rossi aveva fatto prove deludenti. Poi la gara è la gara, Valentino ha dato tutto dopo i soliti primi giri problematici, con il supergrip al retrotreno che spinge fuori curva il muso della sua Desmosedici. E il 46 ha chiuso la gara da protagonista, girando forte e finendo a un secondo dal podio. Il rammarico per non essere riusciti a partire un po’ più avanti è grande anche per il pilota.

Andrea Iannone poco prima aveva infiammato i cuori. Che corsa, che bella la Moto2! Il più duro degli avversari si è rivelato Pol Espargaro, al solito concreto, autore della pole, che però alla fine ha dovuto cedere all’italiano per 70 millesimi. Nell’ultimo giro, dietro ad Andrea, Pol ha cercato il minimo varco ma niente da fare. Marquez, soltanto quinto  in difficoltà sui saliscendi del Mugello, è stato preceduto anche da Luthi e Smith. Protagonista assoluto Claudio Corti: finito fuori al primo giro per una toccata, ha saputo recuperare fino al nono posto girando sugli stessi tempi dei primi…

In apertura, la Moto3 ha subito trovato due piloti italiani nel gruppo dei primi. Niccolò Antonelli e Romano Fenati erano tra i magnifici dieci che se le sono date di santa ragione. Romano ha impegnato Vinalles fino all’ultimo, anche quando lo spagnolo ha cambiato il ritmo per staccare il gruppo, e se ha perso il confronto (in volata) è perché ancora non è abbastanza esperto e soprattutto non abbastanza aggressivo; Niccolò invece ha perso il contatto con il podio per via della moto, un po’ imperfetta nel set della ciclistica. Ma entrambi hanno mostrato grande classe ed entusiasmo.

by Nico Cereghini


Andrea Iannone and Jorge Lorenzo, what a spectacle! Their wins in Moto2 and MotoGp really should be framed as masterpieces. The Italian won a tactical, hard fought race while the Spaniard dominated his race with all the authority of a world champion. Then we have Romano Fenati who came back with true class and in Moto3 just missed beating Viñales by a mere 0.020 seconds. It was a shame that there were fewer fans in the stands and around the track than usual to enjoy watching the race unfold. Fans have been protesting long and loud about over-priced tickets and yet again, despite the less favourable date, there were no price reductions. Surely it shouldn't be that hard to follow the example set by Portugal where reasonable prices make sure that the track is full of spectators.

To get back to racing, in MotoGp Dani Pedrosa tried to win as he made a lightning start from pole and for half the race Dovizioso, Bradl and Hayden tried to take the lead as well. All in a line, armed to the teeth, following Jorge. But on Sunday at Mugello, the number 99 Yamaha simply flew. It just seemed to swoop around the high-speed turns as if on rails! The Honda HRC lost touch with the leader and so did Hayden at the back of the leading group while Bradl fought hard for third place on the podium. In a thrilling finale with Hayden then Rossi and Crutchlow making up ground, Dovizioso came over the line third (fourth podium in 2012) ahead of Stefan and Valentino. Hayden only managed seventh after he ran wide when Bradl passed him.

In MotoGP, there was no lack of surprises. Stoner appeared confused and only finished eighth following repeated mistakes. Stefan Bradl's performance was solid and fast and a podium finish is virtually a certainty in this most difficult category. Ducati made their best showing to date in the dry. The result was much as expected on their test track. Barbera started from the front row with the third best time and Hayden started from the second, while Rossi's qualifying times were disappointing. Then we had the race! Valentino gave his all after the usual first few difficult laps with his rear "supergrip" that pushes the front of his Desmosedici wide. Number 46 finished the race right up with the leaders only one second off the podium. The feeling of regret at not having started further up the grid hurts the rider too.

Before the MotoGP race, Andrea Iannone set hearts racing. What a race the Moto2 was! Pol Espargaro really showed himself to be the hardest of rivals. The Spaniard started from pole and had a solid race but was beaten to the line by 0.07 seconds by the Italian. During the last lap, sitting right on the tail of Andrea, Pol tried one last lunge but to no avail. Marquez who finished in only fifth position found problems with ups and downs of Mugello and crossed the line after Luthi and Smith. The absolute star of the race for perseverance was Claudio Corti. Although bumped off the track in the first lap, he clawed his way back to ninth place lapping at the pace speed as the leaders.

The Moto3 race saw two Italian riders in the leading pack right from the start. Niccolò Antonelli and Romano Fenati were among the "magnificent ten" who fought like lions in this unforgettable battle. Romano challenged Viñales right to the end even when the Spaniard upped his rhythm to break away from the group and, if he lost the battle (in a flying finish), it was because he does not yet have the expertise and still lacks aggressiveness. Niccolò on the other hand missed out on the podium because of set-up problems with the frame bike. They both however showed great class and fighting spirit.

 

Read more

 
 
 
 
 
 

46 WORDS WAITING FOR LOSAIL

04 April 2012 | News

by Nico Cereghini

Finalmente in pista! Si riprende dalle luci del Qatar, dove Stoner è lo sceicco. Però Valentino, che ha vinto nel 2010 con la Yamaha, adesso è fiducioso: la Ducati può arrivare in alto e crescerà. Occhio a Lorenzo, comunque, e alla nuova Moto3 con giovani talenti.

Back on the track at last! The season starts again under the floodlights in Qatar, where Stoner is the sheik. However, Valentino, who won in 2010 on the Yamaha, is now confident: the Ducati can get ahead and will improve. Anyway, keep an eye on Lorenzo and young talents on the new Moto3.

Read more

 
 
 
 
 
 

By Nico Cereghini.

Way to go, Jorge! Scoring his ninth victory in the season’s last race in Valencia confirmed that the World Title he won with so much time to spare was rightfully his. Lorenzo got off to a fairly bad start, risked falling after contact was made with Simoncelli on the second lap, and even dropped back a few positions in the rodeo with his bike, and yet proved capable of first catching and passing the frontrunners and then leaving them all behind, including Casey Stoner. Fast, efficient, with a surgeon’s precision in his riding, and with a practically perfectly tuned Yamaha.
But why can’t Valentino – the man who knows that bike inside out  - find the same perfect tuning? It’s a mystery, but one that is no longer of much interest to anyone because Val’s days with Yamaha are over. “Bye bye baby” was the message on the t-shirts worn by Rossi and friends: seven years of true passion, exactly 46 wins (if that’s not a coincidence!) and 4 world titles. Spectacular Sundays that will go down in history. But the pages keep turning and the adventure with Ducati is about to begin. No wonder Val didn’t really shine in his last race. A third place finish so far behind isn’t exactly flattering but that’s the way he is: capable of motivating himself like very few others, but when the motivation is not there, his hunger to win fades as well. If nothing else, Val offered another winners’ stand placing as his fond farewell.
Casey Stoner came between them, with a fine performance on the wrong tires. There was a big battle for 4th place: SuperMario Simoncelli was in fine form and started from the first line thanks to his third-best time and jumped right out in front at the gun – then the fur began flying. With Lorenzo, with Dovi, and with Spies. SuperSic didn’t hold anything back and proved beyond all doubts that he’s a contender in the heavyweight class as well. He’s fast, tenacious, and rides well. All he has to do is work on his finish when his tires are shot. Sixth place is not completely satisfying but we’ll accept it: next season he’ll definitely be among the best.

Summing up the balance sheet for all 3 classes, the word is Viva Espana! With the top three riders in the 125 Class, the first two in Moto2 (Elias and Simon) and the first two in MotoGp (because Dani Pedrosa preserved his 2nd place finish), Spain walked away with nearly everything and not by chance. The younger Spanish riders develop nicely: Marc Marquez has a great riding style and is destined to go far in Moto2 as well, whereas the veterans like Toni Elias (who returns to the MotoGp class) are all alive and kicking. It’s not going to be easy to push them out of their privileged positions.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------

Bravo Jorge! La nona vittoria della stagione, centrata nell’ultima tappa di Valencia, conferma che il suo titolo mondiale, conquistato in largo anticipo, è tutto meritato. Lorenzo è partito piuttosto male, poi ha rischiato di cadere nel contatto con Simoncelli al secondo giro, e ha perso un paio di posizioni nel rodeo con la sua moto; eppure è stato capace di riprendere i primi, passarli e poi staccarli inesorabilmente, tutti, Stoner compreso. Veloce, efficace, chirurgico nella sua precisione di guida. E con una Yamaha praticamente perfetta.
Ma perché Valentino, che pure quella moto l’ha fatta in prima persona, non riesce a trovare gli stessi ottimi assetti? Mistero. Un mistero tuttavia che ha perso interesse, perché ora la storia con Yamaha è chiusa. “Bay bay baby” era scritto sulla t-shirt di Rossi e compagnia: sette anni di vera passione, successi esattamente quarantasei (guarda il caso!) e quattro titoli mondiali, domeniche bellissime che restano nella storia comune e adesso si volta pagina nella nuova avventura con Ducati. Non c’è troppo da meravigliarsi se Vale nell’ultima gara ha brillato poco; il terzo posto così staccato suona male ma il nostro eroe è fatto così: lui è capace di motivarsi come pochi altri, ma quando la motivazione cala allora cala anche la sua voglia. Se non altro, ecco almeno il podio per salutare come si deve.
Stoner nel mezzo, bravissimo ma con le gomme sbagliate, e per il quarto posto grande battaglia. SuperMario Simoncelli era in gran forma, è partito dalla prima fila con il terzo tempo ed è scattato benissimo al semaforo, poi botte da orbi. Con Lorenzo, con Dovi, con Spies. Non si è proprio risparmiato, il Sic, ed ha dimostrato al di là di ogni dubbio che lui c’è, anche in MotoGP: è veloce, è tenace, guida benissimo, deve soltanto migliorare il finale a gomme finite. Il sesto posto  non può soddisfarlo del tutto, ma noi siamo contenti: la prossima stagione lo vedrà certamente tra i migliori.
E per chiudere un bilancio delle tre classi. Viva Espana! Con i primi tre posti nella classifica della 125, i primi due della Moto2 (Elias e Simon) e i primi due anche in MotoGp (perché Dani Pedrosa è rimasto il vice) la Spagna sbanca tutto e non è un caso. I giovani spagnoli vengono sù bene, Marc Marquez ha una guida bellissima e farà molto bene anche in Moto2, e i vecchi come Toni Elias (che torna in MotoGp) sono tutti belli tonici. Non sarà facilissimo scalzarli presto dalla loro posizione privilegiata.

Read more