dainese

Vai al contenuto principale »

select your country
0 items
Cerca nel Sito

 
 
 

Archivio

2014

Categorie

 
 
 
 
 
 

EN PLEIN!

16 maggio 2005 | News

Et voilà, parla benissimo francese il Team Dainese che ha chiuso a Le Mans un week-end memorabile, con tre dei suoi piloti che, come già a Jerez, hanno conquistato in tutte e tre le classi del Motomondiale la pole position il sabato e la vittoria in gara la domenica.
E se Valentino Rossi e Daniel Pedrosa sono un po’ degli habitué di questi exploit (tutti questi francesismi non vengono a caso…), per il giovanissimo elvetico Thomas Lüthi si è trattata di una prima volta assoluta.
Vogliamo cominciare proprio dalla vittoria nella 125 cc del portacolori del team Elit Racing che in sella alla sua Honda bianco-verde-azzurro ha dominato la tre giorni francese in lungo in largo. Domenica, poi, si è esibito in una fuga “alla Pedrosa” che gli ha permesso di lasciarsi dietro tutti gli avversari e raccogliere i 20 punti che lo proiettano ora al secondo posto in classifica. Excellent!
Nella quarto di litro Daniel Pedrosa ha studiato a lungo i suoi compagni di fuga, salvo poi sferrare l’attacco decisivo a Randy De Puniet a poche curve dal traguardo con il cinismo e l’abilità del grande campione. E ora può guardare tutti dall’alto in basso del suo primo posto in classifica generale. Superb!
Con Valentino Rossi gli aggettivi si sprecano: dominatore delle qualifiche, in gara ha trovato finalmente una Yamaha in grado di assecondare al meglio la sua classe infinita. Risultato? Ultimo giro al fulmicotone davanti a Sete Gibernau con tanto di record del circuito e terza vittoria in quattro gare, più un secondo posto. Chapeau!

E gli altri? In 125 cc bene Simoncelli, autore di una bella rimonta che l’ha portato fino al secondo posto, ma penalizzato da un sorpasso avvenuto in regime di bandiere gialle. In 250 cc Jorge Lorenzo ha disputato una corsa coraggiosa sempre fra i primi, mentre Simone Corsi ha chiuso buon 11.mo con un dito ferito.
Nella classe regina Max Biaggi ha combattuto come un leone, guadagnandosi un quinto posto insperato dopo il volo pauroso che l’ha visto protagonista nel warm up.
Che dire, a bientôt