dainese

Vai al contenuto principale »

select your country
0 items
Cerca nel Sito

Attualmente sei su:

 
 
 

Authors

Renzo Giust
I Dainese Me
Nico Cereghini
Italian Legendary Tour
Gary Inman
 
 
 
 
 
 

46 WORDS BEFORE AUSTRALIA

24 ottobre 2012 | News

by Nico Cereghini

Vince ininterrottamente dal 2007, Stoner in Australia: cinque successi di fila. Questa volta non è al top ma ci proverà di sicuro. Poi l’inseguimento di Pedrosa a Lorenzo, e Marquez che potrebbe finalmente laurearsi in Moto2 prima della promozione. Infine Valentino a caccia di podi.

by Nico Cereghini

Since 2007 Stoner has always won in Australia - that's five times in a row. He may not be at the top of his form this time but he'll try. Then we have the on-going Pedrosa/Lorenzo battle and Marquez who may well finally take the Moto2 Championship before moving up to MotoGP. Lastly we have Valentino still after a podium place.

Leggi tutto

 
 
 
 
 
 

AFTER MOTEGI

15 ottobre 2012 | News

by Nico Cereghini

Questo Jorge Lorenzo, che a vincere non prova nemmeno e si accontenta di sorvegliare Pedrosa, non è certo bello da guardare e non rende servizio allo spettacolo. Tutto il contrario di quello che fanno da sempre i piloti spagnoli, coraggiosi al di là di ogni calcolo, e che fa del resto Marc Marquez: grandissimo in Moto2 dopo la partenza disastrosa (aveva dimenticato di ingranare la prima!) e una rimonta vincente da incorniciare.

Pedrosa, Lorenzo, Bautista. Podio tutto spagnolo in MotoGp e anche in Moto2 (Marquez, Espargaro e Rabat). Con gare, tranne la più famosa, bellissime da seguire. Tolto Lorenzo, al quale ormai bastano teoricamente tre terzi posti per bissare il titolo del 2010 e si rifiuta di osare oltre il minimo sindacale, applausi a Dani Pedrosa, che vince la quinta corsa della stagione e sembra carburato il giusto per seguitare il suo dominio attuale; così come bravissimo è stato Alvaro Bautista che ha riportato sul podio, come a Misano, la Honda di Gresini; una bellissima battaglia, la sua, con Crutchlow, poi fermato dalla rottura del motore. Fiacco il quarto posto di Dovizioso, molto staccato, come il rientro di Stoner, che certamente non è ancora a posto e ha chiuso quinto davanti a un Bradl meno brillante del solito.

Valentino, settimo a 26 secondi dal primo e però ancora quinto in campionato, ha avuto parole amare nel dopo corsa: la Ducati ha guadagnato circa mezzo secondo rispetto a un anno fa, ma gli altri sono progrediti molto di più, Yamaha e Honda sono oggi moto perfette, e tutto lo sforzo impiegato dai piloti e dai ragazzi del team nella stagione non è bastato. Auguri ai piloti Ducati del 2013, ha chiuso.

Infine, magnifica corsa di Alessandro Tonucci, del team Italia, in Moto3. Il marchigiano di Fano, diciannove anni e alla quarta stagione, è finalmente esploso a Motegi con una gara nel gruppo di testa. Poteva fare anche il secondo posto, se Cortese non avesse tentato un sorpasso impossibile nell’ultimo giro danneggiandolo e favorendo Vinales, classificato secondo alle spalle di Kent. Battaglie furibonde, nella minima cilindrata: dopo la caduta Cortese è riuscito ancora a piazzarsi al sesto posto e mantiene 44 punti di vantaggio in classifica; e l’errore di Louis Salom, che ha falciato Folger in una staccata impossibile, è stata punita dalla Direzione Corse: cinque posizioni in meno sulla griglia, per Salom, nella prossima tappa della Malesia.

by Nico Cereghini

Jorge Lorenzo didn't even try to win and seemed quite happy just to watch Pedrosa. It was certainly not a pretty sight and doesn't do the sport any justice. His performance was in stark contrast to the way Spanish riders always ride with outstanding bravado as shown all too clearly by Marc Marquez. He was superb in Moto2 following a disastrous start (he had forgotten to engage the first gear!)and a fight back to go down in the annals of history.

Pedrosa, Lorenzo, Bautista. All Spanish podiums in MotoGp and Moto2 (Marquez, Espargaro and Rabat). Simply beautiful races (except for the most famous one) that were a pleasure to watch unfold. Forgetting Lorenzo, who by now only needs three third places to take the title and who did the absolute minimum, Dani Pedrosa deserves credit for his fifth win of the season. He seems to have developed a taste for his present dominating form. The same applies to Alvaro Bautista who took his Gresini Honda to another podium place just like at Misano. He was involved in a titanic battle with Crutchlow until the British rider suffered engine problems. A very tired Dovizioso struggled home in fourth much like Stoner who is still not 100% fit and finished fifth ahead of Bradl whose ride was not as exuberant as usual.

Valentino crossed the line in seventh, 26 seconds behind the winner and although he is still fifth in the Championship, ha had a few bitter words to say after the race. "Ducati have found about half a second compared with a year ago but the others have made much more progress. Yamaha and Honda are now perfect bikes. Despite all the efforts of the team and riders throughout the season, it just hasn't been enough. I wish the Ducati riders in 2013 all the best".

Last we had the magnificent ride in Moto3 from Alessandro Tonucci from Team Italia. The nineteen year old rider from Fano who is in his fourth season finally exploded on to the scene at Motegi and found himself up with the leaders of the pack. He might even have finished second had it not been for Cortese who tried an impossible passing move on the last lap that ended in a clash that favoured Vinales who crossed the line second behind Kent. The Moto3 race was an all-out battle. Although Cortese fell, he got back on the bike and managed to finish sixth and keep his 44 point lead.

Then there was the Louis Salom's mistake during a very optimistic passing manoeuvre that slammed him into Folger for which he was later punished by the Race Management. Salom will start five places back in the next round in Malaysia.

Leggi tutto

 
 
 
 
 
 

AFTER BRNO

27 agosto 2012 | News

by Nico Cereghini

Finalmente un gran bel duello: Pedrosa su Lorenzo e la MotoGP ritrova lo spettacolo che da un po’ mancava. Una sfida tutta spagnola: Lorenzo che parte favorito dalla pole e anche dai pronostici, Pedrosa che sorprende tutti prendendo in mano la gara a metà distanza e ribattendo con forza al sorpasso di Jorge nell’ultimo giro. Non si era mai visto un Pedrosa così deciso nella bagarre, e alla fine vincente per la terza volta nella stagione. Adesso la leadership di Lorenzo è ridotta a soli 13 punti.

Sul podio anche Carl Crutchlow, terzo ai danni del solito Dovizioso, questa volta classificato dietro al compagno di squadra; a seguire l’ormai puntuale Stefan Bradl, che con la solita gara impeccabile si è piazzato davanti a Bautista e a Valentino. Rossi scattava dalla seconda fila con il sesto tempo, Brno gli piace e si presta anche alla Ducati; ma una perdita d’olio lo ha rallentato molto, dopo che aveva prodotto un bell’avvìo. Pasini e Petrucci relegati agli ultimi posti dalle loro lente CRT.

Vivace anche la corsa della Moto2, vinta con classe e decisione da Marquez, sempre più padrone del mondiale. Questa volta è stata una volata a quattro, con Luthi davanti ad Espargarò e a Iannone. Questo poker di piloti si è dimostrato il più forte della categoria, ma lo spagnolo Marc Marquez ha qualcosa in più anche sul piano meccanico. Bella gara di Simone Corsi, quinto davanti ad Alex De Angelis a dieci secondi dalla vetta.

In Moto3, fuga del bravissimo tedesco Jonas Folger, che sull’asfalto ancora umido si è confermato il più forte; e bella battaglia per gli altri gradini del podio. Alla fine, come già è accaduto a Indy, l’ha spuntata il sorprendente Luis Salom davanti a Cortese e a Vinales. Ottavo e decimo i nostri Fenati e Tonucci, dopo una bella rimonta durata tutta la distanza.

by Nico Cereghini

Finally, the duel we've all been waiting for. Pedrosa against Lorenzo and MotoGP re-discovers what's been missing for a while. It was an all Spanish affair. Lorenzo started as favourite from pole then Pedrosa surprised everyone when he took the lead at mid race distance. The fight that followed was only decided at the last corner when Jorge forged ahead to take the win. This new decisive Pedrosa took his third win of the season and Daniel is now just 13 points behind Lorenzo in the fight for the title.

Carl Crutchlow marked his maiden podium in the series when he finished third ahead of his team mate Dovizioso who was followed by Stefan Bradl. The German rider's usual steady performance saw him cross the line ahead of Bautista and Valentino. Rossi started well from sixth place on the grid and even though he likes Brno and it suits the Ducati, an oil leak held him back. Pasini and Petrucci were relegated to finishing last due to the poor pace of their CRT machines.

The Moto2 race was full of action with Marquez coming home first to further extend his lead in the race for the title. The race was a four-way fight with Luthi finishing ahead of Espargaro and Iannone. These four riders are clearly the best in the category but the Spaniard Marc Marquez obviously also has that something extra in terms of bike performance. Simone Corsi rode well to finish fifth while Alex De Angelis was sixth, both of them ten seconds after Marquez.

In Moto3, the German rider Jonas Folger dominated in the damp weather conditions though the race behind him for the two remaining podium places was a hard-fought affair. In the end, just like at Indy, Luis Salom came home ahead of Cortese and Vinales. Fenati and Tonucci finished eighth and tenth making a good fight back that lasted the whole race.

Leggi tutto