dainese

Vai al contenuto principale »

select your country
0 items
Cerca nel Sito

Attualmente sei su:

 
 
 

Authors

Renzo Giust
I Dainese Me
Nico Cereghini
Italian Legendary Tour
Gary Inman
 
 
 
 
 
 

E' POKER PER JORGE!

28 giugno 2010 | News | Nico Cereghini

E’ la quarta volta, per Jorge Lorenzo: quattro vittorie  nelle prime sei gare di stagione. Perfetto dal giovedì al sabato, dalle prove libere alla gara; senza sbavature, come un fuoriclasse ormai maturo, padrone della moto come delle proprie emozioni. La mancanza di Valentino si sente tanto, è un vuoto che rende opaca la giornata nei box e davanti alla tivù, però nulla si deve togliere a Jorge e alla sua voglia. Lui dà il massimo, spinge come un ossesso, e vince con merito.
Pedrosa e Stoner sul podio. E se per l’uomo della Honda quel secondo gradino è un trionfo, considerando i problemi della vigilia, per l’australiano della Ducati è una soddisfazione a metà: è il primo risultato importante del 2010, un terzo posto non si butta via, ma da uno come lui tutti si aspettano di più, e la Desmosedici ha dimostrato che sa competere alla pari con Yamaha ed Honda.
Spies concreto e veloce, quarto ma ormai pronto a salire sul podio anche lui; Dovizioso un po’ in affanno, Melandri fuori per una brutta caduta nelle prove, Capirossi tra gli ultimi con una Suzuki da dimenticare, e Simoncelli? Marco questa volta era convinto di fare molto bene, analizzando il ritmo di Dovi e De Puniet si è detto convinto che avrebbe potuto stare lì davanti con quei due. Ma una gomma difettosa lo ha penalizzato tantissimo: ha concluso indietro, arrabbiatissimo e con i buchi sul pneumatico.
La giornata va in archivio con tre fuochi d’artificio: quello di Andrea Iannone che domina in Moto2 proprio come aveva fatto al Mugello. E adesso diventa uno da tener d’occhio, uno dei papabili. Quello di Vale Rossi che anche se lì ad Assen non c’era ha fatto parlare tutti sul possibile e preteso passaggio alla Ducati. Infine la festa per Agostini, che per celebrare l’ottantesimo del TT di Assen è stato invitato a fare un giro prima con la Yamaha 500 del suo titolo 1975 (il quindicesimo, tanto per dire…), poi anche sulla M1 di Valentino. Si è trovato molto bene con la prima, meno bene con la seconda, ma il pubblico olandese lo ha osannato con un brivido e un lungo applauso. Bello, ci sono imprese che non si dimenticano.

Tags: Jorge Lorenzo, Assen, MotoGP

 
 
 
 
 
 
 
1 Comment
 

Lo spettacolo a detta mia ne risente senza il Dottore, ma questo non toglie merito al gran lavoro che sta facendo Lorenzo per portarsi a casa questo mondiale....Che a dire il vero si sta rivelando un motomondiale dagli equilibri strani, a volte anche inaspettati, ed è bello anche così...Peccato per Simoncelli, dato che avevo sentito le interviste del caso e sembrava proprio carico per fare bene...

Comment By Federico - 2010-07-07 13:55:11