dainese

Skip to Main Content »

select your country
0 items
Search Site

You're currently on:

 
 
 

Authors

Renzo Giust
I Dainese Me
Nico Cereghini
Italian Legendary Tour
Gary Inman
 
 
 
 
 
 

AFTER MUGELLO

17 July 2012 | News

by Nico Cereghini


Andrea Iannone e Jorge Lorenzo, che meraviglia! Le loro vittorie in Moto2 e in MotoGp sono da incorniciare come autentici capolavori: l’italiano ha vinto una gara tattica e molto combattuta, il maiorchino ha dominato con la guida e l’autorità del campionissimo. E poi c’è anche Romano Fenati, tornato lì davanti con classe, che in Moto3 non è riuscito a battere Vinalles per soli venti millesimi. Peccato che, sui prati e sulle tribune, meno spettatori del solito abbiano potuto godere lo spettacolo direttamente: era da anni che gli appassionati protestavano a gran voce per il costo esagerato del biglietto e anche questa volta, nonostante la data meno favorevole, nessuno sconto. Eppure non sarebbe stato difficile imitare il Portogallo, per esempio, che ha fatto il pieno anche quest’anno con una sana politica dei prezzi.

Tornando alle corse, in top class ci ha provato Dani Pedrosa, partito dalla pole come una scheggia, e per metà gara ci hanno provato anche Dovizioso, Bradl e Hayden: tutti in fila con il coltello tra i denti dietro a Jorge. Ma la Yamaha numero 99 volava, domenica al Mugello, mai vista una percorrenza di curva così veloce e fluida! La Honda HRC ha perso il contatto dal leader, Hayden pure in fondo al gruppetto, e ci ha pensato il forte tedesco a tenere incerta la lotta per il terzo gradino del podio. Finale thrilling, con Hayden e poi anche Rossi e Crutchlow in rimonta da dietro; l’ha spuntata il Dovi (quarto podio 2012) su Stefan e Valentino. Hayden soltanto settimo, purtroppo fuori linea nel ruvido sorpasso subìto da Bradl.

Le sorprese non sono mancate, in MotoGP. Uno Stoner confusionario, è finito addirittura ottavo dopo errori a ripetizione; uno Stefan Bradl davvero solido e veloce, in continua crescita e proiettato verso il podio della categoria più difficile, ormai è una sicurezza; e infine la Ducati alla migliore prestazione sull’asciutto. Un discreto risultato era da aspettarselo, sulla pista dei test: Barbera era partito dalla prima fila con il terzo tempo e Hayden apriva la seconda fila; mentre Rossi aveva fatto prove deludenti. Poi la gara è la gara, Valentino ha dato tutto dopo i soliti primi giri problematici, con il supergrip al retrotreno che spinge fuori curva il muso della sua Desmosedici. E il 46 ha chiuso la gara da protagonista, girando forte e finendo a un secondo dal podio. Il rammarico per non essere riusciti a partire un po’ più avanti è grande anche per il pilota.

Andrea Iannone poco prima aveva infiammato i cuori. Che corsa, che bella la Moto2! Il più duro degli avversari si è rivelato Pol Espargaro, al solito concreto, autore della pole, che però alla fine ha dovuto cedere all’italiano per 70 millesimi. Nell’ultimo giro, dietro ad Andrea, Pol ha cercato il minimo varco ma niente da fare. Marquez, soltanto quinto  in difficoltà sui saliscendi del Mugello, è stato preceduto anche da Luthi e Smith. Protagonista assoluto Claudio Corti: finito fuori al primo giro per una toccata, ha saputo recuperare fino al nono posto girando sugli stessi tempi dei primi…

In apertura, la Moto3 ha subito trovato due piloti italiani nel gruppo dei primi. Niccolò Antonelli e Romano Fenati erano tra i magnifici dieci che se le sono date di santa ragione. Romano ha impegnato Vinalles fino all’ultimo, anche quando lo spagnolo ha cambiato il ritmo per staccare il gruppo, e se ha perso il confronto (in volata) è perché ancora non è abbastanza esperto e soprattutto non abbastanza aggressivo; Niccolò invece ha perso il contatto con il podio per via della moto, un po’ imperfetta nel set della ciclistica. Ma entrambi hanno mostrato grande classe ed entusiasmo.

by Nico Cereghini


Andrea Iannone and Jorge Lorenzo, what a spectacle! Their wins in Moto2 and MotoGp really should be framed as masterpieces. The Italian won a tactical, hard fought race while the Spaniard dominated his race with all the authority of a world champion. Then we have Romano Fenati who came back with true class and in Moto3 just missed beating Viñales by a mere 0.020 seconds. It was a shame that there were fewer fans in the stands and around the track than usual to enjoy watching the race unfold. Fans have been protesting long and loud about over-priced tickets and yet again, despite the less favourable date, there were no price reductions. Surely it shouldn't be that hard to follow the example set by Portugal where reasonable prices make sure that the track is full of spectators.

To get back to racing, in MotoGp Dani Pedrosa tried to win as he made a lightning start from pole and for half the race Dovizioso, Bradl and Hayden tried to take the lead as well. All in a line, armed to the teeth, following Jorge. But on Sunday at Mugello, the number 99 Yamaha simply flew. It just seemed to swoop around the high-speed turns as if on rails! The Honda HRC lost touch with the leader and so did Hayden at the back of the leading group while Bradl fought hard for third place on the podium. In a thrilling finale with Hayden then Rossi and Crutchlow making up ground, Dovizioso came over the line third (fourth podium in 2012) ahead of Stefan and Valentino. Hayden only managed seventh after he ran wide when Bradl passed him.

In MotoGP, there was no lack of surprises. Stoner appeared confused and only finished eighth following repeated mistakes. Stefan Bradl's performance was solid and fast and a podium finish is virtually a certainty in this most difficult category. Ducati made their best showing to date in the dry. The result was much as expected on their test track. Barbera started from the front row with the third best time and Hayden started from the second, while Rossi's qualifying times were disappointing. Then we had the race! Valentino gave his all after the usual first few difficult laps with his rear "supergrip" that pushes the front of his Desmosedici wide. Number 46 finished the race right up with the leaders only one second off the podium. The feeling of regret at not having started further up the grid hurts the rider too.

Before the MotoGP race, Andrea Iannone set hearts racing. What a race the Moto2 was! Pol Espargaro really showed himself to be the hardest of rivals. The Spaniard started from pole and had a solid race but was beaten to the line by 0.07 seconds by the Italian. During the last lap, sitting right on the tail of Andrea, Pol tried one last lunge but to no avail. Marquez who finished in only fifth position found problems with ups and downs of Mugello and crossed the line after Luthi and Smith. The absolute star of the race for perseverance was Claudio Corti. Although bumped off the track in the first lap, he clawed his way back to ninth place lapping at the pace speed as the leaders.

The Moto3 race saw two Italian riders in the leading pack right from the start. Niccolò Antonelli and Romano Fenati were among the "magnificent ten" who fought like lions in this unforgettable battle. Romano challenged Viñales right to the end even when the Spaniard upped his rhythm to break away from the group and, if he lost the battle (in a flying finish), it was because he does not yet have the expertise and still lacks aggressiveness. Niccolò on the other hand missed out on the podium because of set-up problems with the frame bike. They both however showed great class and fighting spirit.

 

Read more

 
 
 
 
 
 

by Nico Cereghini

Great affection from the audience, beautiful signs from the colleagues on the grid, Vale's brilliant phone call from the hospital: the Sunday at Mugello had is centre of gravity in Rossi even if Number 46 could not be there. Because it's clear: Valentino is a legend and we count on the fact that he will soon be back, much earlier than the 4 or 5 months forecast by Doctor Buzzi who operated him.
At the end of July, I guess, we might see him at Laguna Seca. But in the meantime he will be obliged to watch many GPs on TV from home. How will he have reacted to Jorge Lorenzo's gesture? Will he have liked the yellow t-shirt worn by his team mate on the podium of Italy Gp? The Spanish kid was maybe sincere, we don't have any reasons to doubt it, but Mum Stefania - who watched the race with his 9-time World Champion son - preferred to avoid the issue when asked...
In the meanwhile, Pedrosa got back to victory for the first time this year. Lorenzo was not at his best and he was content with the second place. Stoner couldn't get away from his problems and couldn't reach the podium. Dovizioso's race was beautiful, he finished third but quite near to the second one, while Melandri's race - constantly duelling with Stoner and De Puniet - was above of all expectancy. On the contary, Supersic Simoncelli started well, he was in the wake of Hayden but then he was late in an overtaking and was obliged to go out on the gravel losing all positions and ending at the ninth place.
A very big compliment to Andrea Iannone and to Simone Corsi: the former dominated Moto2 with the class of a true champion, the latter reached the podium after a tremendous recovery. Maybe those two are the next Italian protagonists of MotoGP. Never say never.
In any case, the tyre issue remains open. Rossi fell while entering a bend with closed gas, like Stoner or Spies or many others did. Bridgstone, the only supplier, builds very good tyres but with a clear lack: it takes a little for the tyre to get colder and lose grip. Many champions falling like chickens: this is not acceptable!
For the records, according to my sources Vale was thrown out of his motorbike while he was riding "only" at 168 km/h in a bend of 180 km/h: Yamaha telemetry confirms it; the air-bag activated immediately after, when the speed of the rider decreased of only 10 km/h. It seems possible that the bad fracture exposed to tibia and fibula of his right leg was caused by the impact with the ground due to the particularly unfavourable angle of incidence or for the effect of the energy gained during the flight and discharged on the ground with great violence.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Grande l’affetto del pubblico, belli i cartelli dei tanti colleghi sulla griglia, brillante la telefonata di Vale dall’ospedale. La domenica del Mugello ha avuto il suo baricentro in Rossi anche se il 46 non poteva esserci. Perché è chiaro: Valentino è un mito e contiamo che tornerà presto a correre, molto prima dei 4 o 5 mesi buttati lì con la tempistica ospedaliera dal professor Buzzi che lo ha operato. A fine luglio, è la mia sensazione, potremmo ritrovarlo al via di Laguna Seca. Ma intanto dovrà vedere tanti Gp da casa, alla televisione, e chissà con quali sofferenze. Come avrà reagito al gesto di Jorge Lorenzo? Gli sarà piaciuta quella maglia gialla addosso al compagno di team sul podio del GP d’Italia? Lo spagnolo era magari sincero, noi tifosi non abbiamo motivo di dubitarne, però mamma Stefania (che la gara l’ha vista con il figliolo nove volte campione del mondo) alla domanda diretta ha preferito glissare…
Intanto, Pedrosa torna alla vittoria per la prima volta quest’anno, Lorenzo non è perfettamente in palla e si accontenta, Stoner non esce dai suoi misteriosi problemi ed è giù dal podio. Bella invece la corsa di Andrea Dovizioso, terzo ma vicino al secondo, e sopra ogni speranza anche quella di Melandri che ha duellato tutta la gara con Stoner e De Puniet. Supersic Simoncelli, invece, era partito bene, era nella scia di Hayden, ma poi si è trovato in ritardo in un sorpasso ed è stato costretto all’uscita nella ghiaia perdendo tutte le posizioni possibili e chiudendo al nono posto.
Un complimento grosso come una casa ad Andrea Iannone e a Simone Corsi: il primo ha dominato la Moto2 con la classe di un vero campione, il secondo è salito sul podio dopo una formidabile rimonta. Che siano loro due i prossimi protagonisti italiani della MotoGP. Mai dire mai.
Però resta aperta la questione gomme. Rossi è caduto in ingresso di curva a gas chiuso, come Stoner, come Spies, Espargaro e tanti altri. Bridgestone, il fornitore unico, costruisce ottime gomme però con un evidente difetto: basta pochissimo perché scendano di temperatura e tengano niente. Tanti campioni che cadono come polli: non è una cosa accettabile.
Per la cronaca, e secondo le mie fonti, Vale è stato sbalzato dalla sua moto quando viaggiava “solo” a 168 orari in una curva da 180: lo dice la registrazione della telemetria Yamaha; l’air-bag si è attivato subito dopo, quando la velocità del pilota in volo era calata di soli 10 chilometri orari. Sembra probabile che la brutta frattura esposta a tibia e pérone della sua gamba destra sia stata provocata dall’impatto con il terreno: a causa dell’angolo di incidenza particolarmente sfavorevole o per effetto dell’energia accumulata nel volo e scaricata a terra con particolare violenza.

Read more

 
 
 
 
 
 

46 WORDS WAITING FOR MUGELLO

04 June 2010 | News

by Nico Cereghini

Go Vale go! Mugello is your thing! Make us dream with one of your magic: Victory, Funny, Legendary, Fascinating, Clean, Overwhelming, Irreverent, Oceanic. "VALENTINO!" the yellow people will yell. All of us will be there for you. Well, almost all of us. Then, as you always say, let the best man win!

 

Forza Vale! Il Mugello è roba tua! Facci sognare con una  delle tue storiche imprese : Vittoria, Allegra, Leggendaria, Entusiasmante, Netta, Travolgente, Irriverente, Nazionalpopolare, Oceanica. “VALENTINO!” griderà il popolo giallo. Tutti siamo lì per te. Quasi tutti. Poi, come dici sempre anche tu, che vinca il migliore!

Read more